giovedì 4 settembre 2014

Top 5: nuovi motivi per vedere Roma


Roma "it's always a good idea", ma se vi servono motivazioni valide per poterla visitare, questa top 5 è pronta a fornirvene. Ho avuto la fortuna di tornarci a giugno, e nonostante l'abbia trovata immersa nei lavori di restauro, posso assicurarvi che vale sempre la pena! Perché???? Beh ecco, perché!

1. La mostra di Andy Wahrol alla Brant Foundation presso Palazzo Cipolla: questa mostra del padre della pop art non è semplicemente una raccolta di opere fatte arrivare da prestigiosi musei esteri. Proviene infatti dalla collezione di un amico dell'artista,  Peter Brant. Non solo tele, ma anche fotografie scattate da Wahrol stesso. E' possibile visitare anche una sezione riservata alla serie di interessanti ritratti del fotografo Terry O'Neill. Ricordo che la mostra chiuderà i battenti a fine settembre, perciò affrettatevi: ne vale la pena, anche perché con il prezzo del biglietto è possibile richiedere un'audio guida, per capire la vita e il mondo di Wahrol. Se raggiungete Roma in treno, avete diritto ad uno sconto: portate con voi il biglietto ferroviario!

2. Il papa rockstar: ebbene sì. Sono stata in piazza S. Pietro due volte nella mia vita, e vi assicuro che con papa Francesco si respira un'atmosfera rilassata, con i fedeli che lo chiamano per nome, e la sua simpatia contagia anche il più scettico dei fedeli. Quando vi ricapita?

3. I ristoranti. La cucina romana ha un che di divino. Tonnarelli cacio e pepe, carciofi alla romana...è difficile non tornare con qualche kg in più, ma potete provare a smaltirli camminando in lungo in largo per la capitale. Le mie ultime scoperte sono lo Zozzone dove assaggiare ottime pizze romane, e Grazia e Graziella con l'ottima cucina e il simpatico staff.

4.Trestevere. E' il cuore di Roma. Le sue vie offrono ottimi ristoranti, negozietti antichi e tipici e allo stesso tempo spazi underground. Perdersi per le vie di questo quartiere ha un qualcosa di..unico

 
 
5: L'Eur. L'unico quartiere della capitale pensato con un piano regolatore, è stato ideato in epoca fascista. Esso fu ideato  per l'esposizione universale di Roma, che di fatto non avvenne, e il progetto originale non vide mai la luce, ma venne modificato in seguito, quando il fascismo era ormai (fortunatamente) solo un triste ricordo. Nonostante quegli anni rappresentino, a ragione, uno dei periodi più cupi della storia d'Italia, ciò che viene offerto al visitatore oggi, è un quartiere moderno e vivo.  Oggi troviamo bei negozi, uffici e ovviamente monumenti molto belli, come la chiesa dei santi Pietro e Paolo


Che dite, vi ho convinto?

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
'''