lunedì 21 luglio 2014

Guida pratica a Lisbona


In questi giorni spesso la domanda che ci si pone, tra amici/conoscenti e colleghi è  la fatidica -"Dove vai in vacanza?"-. Ed è proprio da tale quesito che è nata l'idea di un post dedicato a Lisbona, città che ho visitato (ed amato) due volte.

La capitale del Portogallo è raggiungibile via aereo, ma spesso il volo non è esattamente low cost. Questo perché non è una tratta molto frequentata: tuttavia se avrete voglia di visitarla in autunno, Ryanair propone un volo da milano-bergamo a partire da fine-ottobre. Altrimenti potrete considerare le opzioni proposte da easyjet o dalla compagnia aerea nazionale portoghese la Tap Portugal .

Il tram 28 attraversa il quartiere storico dell'Alfama, e consiglio vivamente di provare questa esperienza. Forse è un po' turistica come indicazione..ma ne vale la pena! Tappe obbligate il Miradouro di Santa Luzia e il castello di Sao Jeorge , e la cattedrale della città Sé Patriarcal e Santo Antonio da Sé  :) Questo è il quartiere più antico, l'unico che sopravvisse al terribile terremoto del 1755.

il tram28

Lisbona è una città che si erige su alcune colline, e di fianco all'Alfama, ecco il quartiere di Baixa, cuore pulsante della città. Se volete salire sull'Elevator de Santa  Justa , sappiate che godrete di un'ottima vista sulla città e arriverete al quartiere de El Chado. L'ascensore è stato eretto nel 1902, partendo dal progetto di Mesnier de Ponsard, dicono con lo zampino di un certo Eiffel....Vi sembrerà di rivivere un po' il fascino dell'epoca.

l'elevator Santa Justa
Il quartiere del Chiado è caratterizzato dall'imponente Chiesa del Carmo, ora in rovina. Merita una visita, poiché è rimasta tale dal terremoto del 1755, più per mancanza di fondi, che per futura memoria. La zona è molto bella, viva,  e potrete sorseggiare un buon caffè mangiando, degli ottimi dolci portoghesi al caffè A Brasileira, che ha conservato il suo fascino Art decò. Aperto nel 1905, fu (ed è) meta fissa degli artisti, nella capitale. Fernando Pesoa ne era un grande estimatore, ed è rappresentato da una statua in bronzo all'entrata del locale. E' difficile non voler fare una foto a questo tavolo speciale!

Chiado

 
Il quartiere di Belem, oltre alla celebre torre, eretta per ricordare il ruolo importante che il Portogallo ha avuto nell'epoca delle esplorazioni marittime, offre molti altri luoghi da visitare. Come il Monastero dos Jeronimos e il Monumento alle scoperte

il monumento alle scoperte

 
Dal quartiere di Belem, situato alle rive del fiume Tago, è visibile il ponte Vasco de Gama, che ricorda un po' nelle fattezze i celebri ponti americani di S. Francisco e Brooklyn. Ci sono passata sopra nel mio viaggio on the road tra Spagna e Portogallo! Visibile in lontananza anche la grande statua del Cristo Rei, che vi farà pensare al Brasile: non ho mai visitato da vicino questo monumento, perciò ho una ragione buona, per tornare a Lisbona!

Last but not least, il Bairro Alto, che si trova nella zona centrale della città, vicino al Chiado e raggiungibile anche dall'Alfama. Vicoli stretti e ombreggiati, negozi tipici ed underground, è anche il posto giusto se volete assistere ad un concerto di Fado,  la musica popolare portoghese. Vi sono infatti molti ristoranti che offrono menù  con intrattenimento musicale compreso nel prezzo (le mance però sono a obbligatorie ed extra). Forse il Fado non è molto allegro, ma lo consiglio vivamente. Il Bairro Alto è anche ricco di locali dove divertirsi fino all'alba! Favoloso.

Ricordo inoltre che Lisbona è servita anche da un'efficiente metropolitana, per chi ha voglia di riposarsi un po', lungo il cammino! Per quanto riguarda la cucina portoghese, direi che è simile a quella italiana. Il pezzo forte sono i dolci: squisiti!
Allora, che aspettate a partire? ; )

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
'''